BlogLifestyle
Cibi congelati
07/06/21
Per cuocere cibi congelati è meglio il forno statico o ventilato?

Gli alimenti congelati sono presenti ormai in qualsiasi casa: ma come cucinarli al meglio? Ecco i consigli per preparare cibi congelati

I cibi congelati sono entrati sempre di più a far parte della quotidianità di moltissime famiglie. Dalla carne al pesce, passando per le verdure e i dolci, praticamente tutti i cibi possono essere congelati. Il consumo di questi alimenti, però, prevede che vengano seguite precise indicazioni. È infatti fondamentale capire come scongelare al meglio i cibi congelati e qual è la modalità di cottura migliore fra forno statico e forno ventilato.

Come scongelare i prodotti congelati

Prima della fase di preparazione e cottura degli alimenti congelati o surgelati, devi dedicarti al loro scongelamento. Tendenzialmente il sistema migliore per scongelare i cibi è metterli nel frigorifero per alcune ore. Si tratta però anche della soluzione più dispendiosa a livello di tempo. Se non hai molto tempo a disposizione una valida alternativa prevede l’utilizzo del microonde.

Generalmente i cibi surgelati che vengono scongelati in microonde dovrebbero essere consumati immediatamente. Se invece vengono riportati a temperatura ambiente in frigo, possono resistere anche fino a 48 ore prima di essere mangiati. Ci sono poi anche alimenti congelati o surgelati che possono essere cucinati direttamente: questa è forse l’opzione migliore per evitare la proliferazione di batteri.

Differenza fra forno ventilato e forno normale

Fra i tanti piatti che si possono fare al forno, i cibi congelati sono sicuramente fra i più veloci e che richiedono meno dispendio di energia.

Quando si parla di cucinare alimenti congelati o surgelati in forno, potrebbe però sorgere spontanea una domanda: è meglio utilizzare un forno statico o uno ventilato? Diventa dunque importante stabilire qual è la differenza fra queste due tipologie di forno.

Il forno statico, come i forni con funzione scongelamento di Candy, utilizza un tipo di cottura più delicato. È particolarmente adatto per i dolci, che necessitano di una cottura uniforme sia all’interno che all’esterno. La modalità di cottura ventilata, invece, è più veloce e viene principalmente impiegata per far dorare le pietanze. Il forno ventilato è quindi l’ideale per cuocere cibi congelati salati, come carni e verdure. C’è poi anche una differenza di temperatura fra forno statico e forno ventilato, che è di circa 20°C. Se hai quindi un forno statico ma sulla confezione del cibo surgelato è indicata la temperatura per forno ventilato, ricordati di aumentare di 20°C circa la temperatura del tuo forno.

In generale, la cottura in forno dei cibi congelati o surgelati avviene a una temperatura compresa fra i 150-250 °C a seconda del tipo di alimento da preparare. Utilizzare il forno per cuocere questi cibi permette di creare una crosticina croccante all’esterno, mantenendo l’interno della pietanza umido e morbido.

Oltre al forno statico o ventilato, i cibi congelati possono essere cotti anche nel microonde. Questo tipo di cottura, un po’ come per lo scongelamento, è sicuramente la più rapida. Permette inoltre di non far perdere sostanze nutritive al piatto. Fai attenzione però che la cottura in microonde non si presta a tutti i tipi di prodotti e soprattutto di imballaggi.

Articoli correlati

Come arredare una piccola casa vacanza

Lifestyle

Come arredare una piccola casa vacanza
Idee e spunti per arredare una piccola casa vacanza.
Le uova si conservano in frigorifero

Lifestyle

Le uova si conservano in frigorifero?
Come conservare correttamente le uova in frigo.
Cinque regali per gli appassionati di vini

Lifestyle

5 regali per gli appassionati di vini
Devi fare un regalo ma non hai idee? Se il destinatario è un appassionato di vini, questa è la guida che fa per te.

Soluzioni Smart

Frigorifero smart: come funziona e perché sceglierlo

Articolo Precedente

How To

Come disinfettare le lenzuola in lavatrice?

Articolo Successivo